The relationship between art and society, and the organizational dynamics of groups and institutions, are both central to the artistic practice of Anna Scalfi Eghenter. Her installation A.property – Jurisdictional Gymnasium is one of the artworks that explore the concept of border, which is central to the Mente locale exhibition commissioned by a group of citizens at the Caraglio Spinning Mill in 2012. The artwork explores the sphere of ethics, highlighting the themes of citizenship, property and self-defence, and touching on various realms of law: international law, administrative law, criminal law, family law and labour law. The objects and texts it includes present visitors with a series of exercises to encourage reflection on the legal side of existence, and the discrepancy between facts and regulations. The work demands the viewers’ collaboration because, as the artist says, “moving across the border is something that comes naturally. It is crossed by talking about it”.

La relazione tra arte e società civile, e l’attenzione alle dinamiche organizzative dei gruppi e delle istituzioni sono al centro della pratica artistica di Anna Scalfi Eghenter. La sua installazione A.property – Palestra giurisdizionale, è una delle opere che interpretano il tema del confine al centro della mostra Mente locale, commissionata da un gruppo di cittadini al Filatoio di Caraglio nel 2012. L’opera esplora la sfera dell’etica, fa emergere i temi della cittadinanza, della proprietà, della difesa, toccando le diverse tipologie del diritto: internazionale, amministrativo, penale, della famiglia e del lavoro. Gli oggetti e i testi che la compongono offrono al pubblico una sequenza di esercizi riflessivi sulla dimensione legale dell’esistenza, sulla discrepanza tra dati di fatto e disciplina giuridica. L’opera richiede la collaborazione dello spettatore poiché, come scrive l’artista, “c’è un entrare spontaneo oltre la linea di confine. Si attraversa discutendone”.

Project developed for the Mente locale exhibition promoted by the Marcovaldo Association with the support of the European Union in the framework of the ALCOTRA 2007-2013 programme “Together Beyond Borders” – project VIAPAC – Via per l’arte contemporanea [Route for contemporary art].
Mediators: Giorgina Bertolino, Francesca Comisso, Lisa Parola and Luisa Perlo.
Commissioned by: Francesca Barbero, Franco Biagioni, Claudia Carli, Marisa Cavallera, Lidia Marti, Paola Marti, Roberto Migliore, Pier Domenico Rosso.

Caraglio Spinning Mill – CESAC Centre for the Contemporary Arts, Cuneo.

Progetto realizzato per la mostra Mente locale promossa dall’Associazione Marcovaldo con il sostegno dell’Unione Europea nell’ambito del programma ALCOTRA 2007-2013 “Insieme oltre i confini” – progetto VIAPAC – Via per l’arte contemporanea.
Mediatrici: Giorgina Bertolino, Francesca Comisso, Lisa Parola and Luisa Perlo.
Committenti: Francesca Barbero, Franco Biagioni, Claudia Carli, Marisa Cavallera, Lidia Marti, Paola Marti, Roberto Migliore, Pier Domenico Rosso.

Filatoio di Caraglio – CESAC Centro Sperimentale per le Arti Contemporanee.