• A.TITOLO_NC_Lucy Orta_Photo Giulia Caira (9)
  • A.TITOLO_NC_Lucy Orta_Photo Giulia Caira
  • A.TITOLO_NC_Lucy Orta_Photo Giulia Caira (4)
  • A.TITOLO_NC_Lucy Orta_Photo Giorgina Bertolino (7)
  • OLYMPUS DIGITAL CAMERA
  • A.TITOLO_NC_Lucy Orta_Photo Giulia Caira (2)
  • A.TITOLO_NC_Lucy Orta_Photo Giulia Caira (1)
  • A.TITOLO_NC_Lucy Orta_Photo Giulia Caira (5)
  • 16_orta copia
  • 16_orta

Totipotent Architecture is an inhabitable sculpture created by Lucy Orta between 2003 and 2007 as part of the urban redesign of an area of the Mirafiori North district in Turin, previously occupied by parking lots and subsequently converted into a public park opposite the entrance to the Fiat car factory. The project emerged from the request of a group of students from two high schools in the neighbourhood for an open space to be created within the new park where they could meet: “an atoll, a sort of free port”. Totipotent Architecture is a large structure of organic form, consisting of a concrete base that supports a semi-circular roof made of steel tubes. The curvilinear pattern of the sculpture is reminiscent of the shape of a pluripotent stem cell, a unit with unlimited potential that oversees the construction of an entire organism. This potential is underlined by the impressions of the body parts of those who commissioned the work, cast in aluminium and incorporated into the surface of the concrete base, inviting the audience to enter the sculpture adopting positions that facilitate social interaction.

Totipotent Architecture è una scultura abitabile ideata e realizzata tra il 2003 e il 2007 da Lucy Orta nell’ambito del ridisegno di un’area del quartiere Mirafiori Nord a Torino in precedenza occupata da parcheggi, trasformata in un parco pubblico di fronte agli ingressi dello stabilimento Fiat. Il progetto nasce dalla richiesta di un gruppo di studenti di due licei del quartiere, di veder nascere nel nuovo parco un luogo aperto dove potersi incontrare: “Un atollo, una specie di porto franco”. La grande struttura, di forma organica, è costituita da un basamento in cemento sormontato da una copertura semicircolare in tubolari d’acciaio. L’andamento curvilineo dell’opera rimanda alla forma della cellula staminale, l’unità dal potenziale illimitato che presiede alla costruzione di un intero organismo. A sottolineare questa potenzialità contribuiscono le impronte in alluminio dei corpi dei committenti, inglobate nel basamento per invitare i fruitori ad abitare la scultura assumendo posizioni che predispongano alla relazione sociale.

Project promoted and supported by Urban 2 European Initiative Programme (European Union, Italian Ministry for Infrastructure, Piedmont Regional Government, City of Turin), Adriano Olivetti Foundation, Compagnia di San Paolo and Fondazione CRT, with the collaboration of the School of Ornamental Plastic of the Albertina Academy of the Fine Arts.
Mediators: Giorgina Bertolino e Francesca Comisso.
Commissioned by: the following students:  Chiara Campagnaro, Pietro Fornara, Silvia Gremo, Paola Sofi of the “Ettore Majorana” scientific high school and Enrico Aleotti, Silvia Andreetto, Rosario Catalano of the “Renato Cottini” artistic high school.

Parco Lineare, Corso Tazzoli, Mirafiori North district, Turin.

Progetto promosso e sostenuto da Urban 2 (Unione Europea, Ministero delle Infrastrutture, Regione Piemonte, Città di Torino). Fondazione Adriano Olivetti, Compagnia di San Paolo e Fondazione CRT, con la collaborazione della Cattedra di Plastica Ornamentale dell’Accademia Albertina di Belle Arti.
Mediatrici: Giorgina Bertolino e Francesca Comisso.
Committenti: gli studenti Chiara Campagnaro, Pietro Fornara, Silvia Gremo, Paola Sofi del Liceo Scientifico “Ettore Majorana” ed Enrico Aleotti, Silvia Andreetto, Rosario Catalano del Liceo Artistico “Renato Cottini”.

Parco Lineare di corso Tazzoli, quartiere Mirafiori Nord, Torino.